Articolo  
14 Dicembre 2020


La riforma dei reati a tutela della salute pubblica e della sicurezza alimentare. Appunti sul d.d.l. 2427


Donato Castronuovo

Il contributo è pubblicato sul numero 4/2020 di Diritto penale contemporaneo – Rivista trimestrale. Per accedervi, clicca qui.

Abstract. Il contributo, che prende origine da una audizione parlamentare sul disegno di legge in materia di illeciti agro-alimentari, evidenziati gli innovativi punti di forza della riforma progettata, analizza in maniera schematica e puntuale le principali articolazioni della stessa, mettendone in luce i profili maggiormente critici.

SOMMARIO: 1. Premessa. – 2. Origine e ragioni della riforma. – 3. I contenuti della riforma in tema di sicurezza alimentare e tutela della salute pubblica. – 4. I punti di forza della riforma. – 5. Le modifiche al codice penale in tema di salute pubblica. – 5.1. Nuove intitolazioni per il titolo VI del codice penale e per i primi due capi che lo compongono. – 5.2. Art. 439 - Avvelenamento di acque o di alimenti. – 5.3. Art. 440 - Contaminazione, adulterazione o corruzione di acque, alimenti o medicinali. – 5.4. Art. 440-bis - Importazione, esportazione, commercio, trasporto, vendita o distribuzione di alimenti, medicinali o acque pericolosi. – 5.5. Art. 440-ter - Omesso ritiro di alimenti, medicinali o acque pericolosi. – 5.6. Art. 440-quater - Informazioni commerciali ingannevoli o pericolose. – 5.7. Art. 441 - Adulterazione o contraffazione di altre cose in danno della salute pubblica. – 5.8. Art. 442 - Commercio di sostanze alimentari contraffatte o adulterate. – 5.9. Art. 444 - Commercio di sostanze alimentari nocive. – 5.10. Art. 443 - Commercio o somministrazione di medicinali guasti. – 5.11. Art. 445 - Somministrazione di medicinali in modo pericoloso per la salute pubblica. – 5.12. Art. 445-bis – Disastro sanitario. – 5.13. Art. 445-ter - Disposizioni comuni. – 6. Le modifiche alla legge n. 283/1962 in tema di sicurezza alimentare. – 6.1. Art. 1-bis (delega di funzioni). – 6.2. Artt. 5 ss. (delitti, contravvenzioni, illeciti amministrativi in tema di sicurezza e di igiene alimentare). – 6.3. La distinzione esterna tra delitti dell’art. 5 e delitti del codice. – 6.4. La distinzione interna tra ipotesi delittuose e contravvenzionali dell’art. 5 e illeciti amministrativi dell’art. 5-ter. – 6.5. Il richiamo al disastro sanitario (art. 5, comma 5). – 6.6. Art. 5-bis (inottemperanza a misure adottate in attuazione del principio di precauzione). – 7. Conclusioni.